Acquista tramite un nostro rivenditore autorizzato





Scopri chi sono gli epoint ->
- Combinazione attenuatore e speaker simulator - Gestisce in modo sicuro fino a 130 watt RMS (180 di picco) - Radial JDX Reactor and Phazer for direct recording - Delivers great tone

Cod. prodotto: GRAD8001022 Brand: NON DISPONIBILE NEL NOSTRO MAGAZZINO
Il prodotto non è presente nei nostri magazzini, ma potrebbe essere disponibile presso il tuo negozio di fiducia. Chiedi Al nostro rivenditore a te più vicino.
Condividi:

- Combinazione attenuatore e speaker simulator
- Gestisce in modo sicuro fino a 130 watt RMS (180 di picco)
- Radial JDX Reactor and Phazer for direct recording
- Delivers great tone from your amp at low volume

Headload è una combinazione di Load box e attenuatore che è in grado di gestire fino a 130 watt RMS di potenza continua e picchi di 180 watt. Inserito tra la testata e il cabinet, permette all'amplificatore per chitarra di essere pompato al massimo riducendo il livello di uscita per ridurre la pressione sonora sul palco o fornire un segnale adatto per la registrazione in studio. Questo consente all'artista di ottimizzare il timbro dell'amplificatore senza avere livelli di volume lesivi per l'orecchio.

Il design 100% discreto ventilato si presenta con uno chassis con una serie di incastri e rivestimento in resina epossidica, bobine resistor in rame che sono controllate tramite una manopola rotativa a 6 posizioni per impostare la riduzione di potenza desiderata da 100% a 20%. Un controllo trim prevede la regolazione fine se posizionati sotto il 20%. L'uscita Headload può essere disattivata per un utilizzo silenzioso sul palco, in registrazione o quando ci si esercita utilizzando l’amplificatore per cuffie incorporato.

Al fine di garantire una maggiore coerenza da concerto a concerto, Headload è dotata di una direct box Radial JDX Reactor. Questa cattura sia il segnale proveniete dalla testata più il carico reattivo proveniente dal cabinet per un timbro più naturale. La JDX ha guadagnato enorme popolarità tra utenti diversi come Megadeth, Aerosmith, Rascal Flatts, Sting e Radiohead. Per i tecnici che preferiscono combinare il suono con un microfono diretto, Headload è stato dotato anche di un Radial Phazer per la regolazione di fase. Ciò consente di allineare l'alimentazione diretta JDX con il microfono per fornire timbri incredibilmente naturali, o se spinto all'estremo, creare gli effetti migliori. L'uscita diretta JDX può anche essere adattata per funzionare al meglio con un interruttore voicing 6 posizioni e scegliere tra i vari preset di emulazione del cabinet e messe a punto con un equalizzatore a 2 bande per gestire anche gli amplificatori eccessivamente brillanti.

Disponibile ora in 8 ohm, Headload è molto probabile la Load box più utile mai realizzata.

Utilizzare Headload™
Nella pagina seguente descriveremo i collegamenti e le funzionalità di base con Headload. Per tutti i dettagli, non esitate a cliccare sull'icona a sinistra e scaricare il manuale completo.

Collegamento speaker e amplificatori
Per utilizzare l'attenuatore di potenza, collegate l'uscita dell'amplificatore alla presa FROM AMP presente su Headload e collegate il cabinet alla presa TO SPEAKERS. L'impedenza del cabinet e dell’amplificatore devono corrispondere all'impedenza di Headload. Per esempio, se avete acquistato un Headload a otto Ohm, dovete collegarlo solo a un amplificatore e speaker cabinet da otto Ohm.

Per una migliore trasmissione della potenza, è importante utilizzare cavi per diffusori di grosso spessore, possibilmente corti. Per ulteriori informazioni fate riferimento alla tabella dei cavi per speaker o la Guida Utente.

Collegamento di due cabinet
Headload è dotato di due prese parallele TO SPEAKERS che rendono facile il collegamento di più cabinet. Tuttavia è importante che l'impedenza combinata di entrambi i cabinet corrisponda all'impedenza dell'Headload. Ad esempio, due cabinet da 8 Ohm equivalgono ad un carico da 4 Ohm. Pertanto avreste bisogno della versione dell’Headload da 4 Ohm per collegare due cabinet da 8 ohm.

Prima di attivare l'amplificatore, assicuratevi che i controlli del volume siano a zero. Questa precauzione riduce possibilità di danni in presenza di collegamenti errati o cavi difettosi. Provate sempre a basso volume. Collegate l'alimentatore all’Headload. Non vi è alcun interruttore di alimentazione. Non appena lo collegate il LED dell’alimentazione presente sul pannello anteriore si illuminerà e l’Headload sarà pronto per essere utilizzato.

Utilizzare l'attenuatore di potenza

L'attenuatore di potenza consente di gestire il vostro amplificatore mantenendo basso il volume dell'altoparlante. Ciò consente di ottimizzare il segnale proveniente dal vostro amplificatore per chitarra, senza suonare a volumi assurdi. Quindi l’Headload è ottimo per gestire il volume sul palco o abbassare drasticamente il livello dello speaker per la registrazione e l’esercizio in casa.

Il comando LOAD regola il volume dell'altoparlante da 100% (nessuna attenuazione) fino al 20%. Selezionando l'impostazione 20%, si può utilizzare il controllo RANGE per abbassare il volume dell'altoparlante sino all’1% dell'originale. Ciò è particolarmente vantaggioso in studio o sui palchi molto silenziosi.

Dopo aver regolato l'attenuazione provate ad utilizzare gli interruttori RESONANCE per sentire il loro effetto sul timbro. Questi interruttori vengono utilizzati per aumentare le frequenze basse o acute del vostro cabinet e compensare il modo in cui l'orecchio umano reagisce alla musica durante l'ascolto a basso volume.

Utilizzare la Loadbox

È possibile disattivare le uscite degli altoparlanti dell’Headload selezionando la posizione OFF. In questo modo potrete suonare in maniera silenziosa con l’amplificatore per cuffie incorporato per l’esercizio o per la registrazione. Il modo più sicuro di usare l’Headload è quello di avere sempre collegato un cabinet, ma è possibile utilizzarlo anche senza un altoparlante quando l'interruttore LOAD è impostato su OFF. Osservare la seguente avvertenza prima di utilizzare l’Headload senza un cabinet:

ATTENZIONE:
DOVETE AVERE SEMPRE
un altoparlante collegato all’Headload a meno che il selettore LOAD non sia impostato su OFF. Potrete causare danni al vostro amplificatore e/o Headload utilizzando il dispositivo senza un cabinet collegato. I danni derivati da uso improprio non saranno coperti dalla garanzia. Per maggiori dettagli vi preghiamo di leggere il manuale utente dell’Headload.

Il pericolo è che l'interruttore LOAD venga urtato o spostato anche casualmente con rischio di potenziali danni per l’Headload e/o l'amplificatore. Per questo motivo consigliamo di collegare sempre un altoparlante all’Headload. Se decidete di ignorare questo avviso, vi consigliamo di verificare la posizione dell'interruttore LOAD prima di ogni utilizzo per ridurre al minimo i rischi.

Utilizzare la direct box JDX
Headload è ha una direct box RADIAL JDX incorporata. La JDX è progettata per catturare il suono del vostro amplificatore/speaker alimentando una linea bilanciata da inviare ad una console o ad un registratore, senza dover necessariamente utilizzare un microfono. I vantaggi di utilizzare la JDX sono i livelli di pressione sonora più bassi sul palco, un suono di chitarra costante serata dopo serata e, naturalmente, la possibilità di registrare in silenzio per quelle sessioni a tarda notte.

La JDX è dotata di due uscite XLR bilanciate. L'uscita pre-EQ produce il classico segnale JDX ed è destinata ad inviare un segnale stabile e pulito al sistema PA. L'uscita post-EQ offre un maggiore controllo sul timbro con l'aggiunta di un equalizzatore a due bande e cinque ulteriori voicing di emulazione dello speaker al JDX. L'uscita POST-EQ è destinata ad alimentare il sistema di monitoraggio. Collegato in questo modo si è in grado di sentire gli effetti della JDX dell'equalizzatore e l’interruttore VOICING nei vostri monitor o sistema in-ear e mettere a punto a proprio piacimento.

NOTA: È possibile anche ascoltare l’equalizzatore JDX collegando un paio di cuffie all’Headload. In questo modo, è possibile disattivare gli altoparlanti impostando l'interruttore LOAD su OFF e testare in silenzio i controlli JDX EQ e VOICING.

 

Il JDX dispone di un equalizzatore a due bande e sei filtri di emulazione speaker. Durante l'ascolto dell'uscita post-EQ (o delle cuffie), sperimentate l'interruttore SPEAKER CAB VOICING. L’impostazione A si riferisce al classico suono JDX, mentre le altre cinque impostazioni emulano il carattere di diversi tipi di cabinet. Scegliere l'impostazione che funziona meglio con il vostro sistema.

L’EQ a due bande spinge o taglia le frequenze acute e basse ed è usato per eseguire regolazioni di precisione sul timbro. È possibile utilizzare il controllo EQ HIGH per aggiungere presenza ad un suono dell’amplificatore chiuso o domarne uno troppo aperto e luminoso. Il controllo EQ LOW può amplificare una risposta dei bassi debole o ripulire un suono di amplificatore sporco abbassando le basse frequenze.

Utilizzare il Phazer

Al fine di ottenere un timbro più naturale da una chitarra o un amplificatore per basso, molti tecnici scelgono di combinare il suono di un microfono con il segnale diretto. Poiché il microfono è distante dallo speaker, si potrà verificare un leggero ritardo rispetto al segnale elettrico diretto prodotto dal 'potente' collegamento elettrico di uscita della JDX dell’Headload.

Per compensare, Headload è dotato di un Phazer Radial che ritarda sostanzialmente l'uscita JDX, in modo che la sua fase possa essere allineata con il microfono. Phazer è completamente analogico e consente solo di invertire il suono a 360 gradi. Non è un delay digitale.

Posizionate un microfono di fronte al vostro cabinet e collegatelo nel primo canale del mixer. Successivamente, prendere l'uscita XLR della JDX presente sul retro dell’Headload e collegatela al secondo canale del mixer. Nota: ci sono due uscite JDX. La prima è dry (pre-EQ) e la seconda è wet (effettata post-EQ). Alzate il canale microfonico e assicuratevi che funzioni. Ora provate l'uscita diretta JDX. Impostate entrambi i canali allo stesso volume e ascoltate. Attivate Phazer e ruotate lentamente in senso orario. Per prova, disattivate l’interruttore 360° per impostare il campo di regolazione di fase da 180° a 360° e sperimentate. Sarete stupiti dell’ampiezza timbrica che è possibile creare.

lo scopo è modellare il suono spostando la fase del segnale del JDX dall’Headload in relazione ad un segnale microfononico che consente di regolare la fase di risposta totale dei segnali combinati. I diagrammi seguenti mostrano la fase di spostamento creata da segnali microfonici e dal JDX. Il Phazer viene usato per spostare il segnale JDX e allineare le forme d'onda fondamentali. È sufficiente impostare la quantità di sfasamento che suona meglio per le vostre orecchie.

 

Come posso convertire un Headload a 4 ohm in una versione a 8 ohm?
Dovete acquistare presso il vostro rivenditore una load card Headbone. L’installazione non prevede saldature.
Con un ampli solid-state, cosa succede se uso un Headload 8 ohm con un cabinet da 4 Ohm o 16 Ohm?
La maggior parte degli amplificatori solid-state aumentano la loro uscita quando il carico dell’altoparlante viene diminuito. Quindi, se il vostro amplificatore ha una potenza di 50 watt su 8 Ohm, potrà sviluppare 100 watt di potenza con un carico da 4 Ohm. Non ci sarà alcun problema a condizione che rispettiate i limiti di potenza dell’Headload.
Con un amplificatore a valvole, che cosa succede se uso l’Headload 8 ohm su un'uscita speaker da 4 Ohm o 16 Ohm?
Quando le impostazioni dell’impedenza della testata e del cabinet corrispondono, si ottiene la migliore combinazione per timbro e durata. Se la testata è impostata ad una impedenza maggiore di quella dell’Headload, si riduce la durata della vita delle valvole, ma avrete un timbro più incisivo.
Cosa succede se si collega un amplificatore da 300 watt ad Headload?
Se lo mettete a tutto volume per un periodo di tempo prolungato, è possibile surriscaldare le resistenze con possibilità di danneggiarle. Se, d'altra parte, lo utilizzate ad un basso livello, Headload non subirà danni.
Cosa succede se uso Headload senza un altoparlante?
Se non lo avete impostato in posizione OFF, potrete danneggiare la testata o l’Headload.
L’alimentazione phantom a 48V proveniente dal mio mixer può danneggiare l’Headload?
No. L’Headload è equipaggiato con condensatori di protezione che lo mantengono al sicuro.
Posso spegnere la ventola?
La ventola è alimentata dalla testata dell’amplificatore della chitarra: mentre suonate, la ventola è attiva. Se smettete di suonare, la ventola si ferma. In questo modo si eliminano i rumori estranei durante le sedute di registrazione.
Posso usare effetti per chitarra come un delay con Headload?
Sì - ma avrete bisogno di due amplificatori. Collegatene uno nella presa jack di uscita da ¼" per i vostri effetti e inviatelo a un secondo amplificatore. Un presa jack da ¼" viene alimentata direttamente dalla testata, la seconda invece tramite la JDX.
Posso usare Headload con amplificatori sia solid-state sia a valvole?
Sì, certo.
Posso utilizzare Headload con un ampli per basso?
Sì. Tenete sempre a mente che se si supera la potenza massima raccomandata, potrebbero surriscaldarsi le resistenze con conseguenti danni.
Qual è la potenza massima a cui posso impostare Headload?
Le resistenze di carico interne sono progettate per gestire 130 watt RMS di uso continuo con picchi momentanei di circa 180 watt.
Quali voicing di speaker cabinet sono presenti sull’Headload?
Abbiamo iniziato con un JDX sull’impostazione 1 e poi abbiamo inserito varie curve basate su open back, speaker differenti e così via. Alla fine della giornata sono tutti diversi e sarà necessario ascoltarli attraverso l’amplificatore per sentire come funzionano. L’emulazione è analogica, quindi è direttamente collegata al finale in uso. Ciascuno dei 6 preset può essere anche modificato utilizzando i controlli Bass e Treble dell’EQ.

Video