EKO MUSIC GROUP E L’ESPERIENZA ISO 9001

La EKO Music Group SpA è una delle più importanti e dinamiche aziende nel panorama degli strumenti musicali, sia in Italia che nel mondo.

Il suo ‘core business’ sono la produzione di strumenti musicali e accessori con i marchi Eko, QuikLok, Opera e con la controllata Elettronica Montarbo srl, e la distribuzione per l’Italia e il bacino mediterraneo dei più importanti marchi di strumenti musicali di importanza mondiale, quali Marshall, Martin, Korg, Paul Reed Smith, Akai, Sony, Warwick, Alesis, Numark, Vox, Dunlop, Sonor e molti altri.

La scelta di certificare il proprio sistema di gestione per la qualità in conformità alla norma ISO 9001 Ed.08 parte da lontano e non è stata dettata da imposizioni del mercato anche perché, nel settore degli strumenti musicali, poche sono le realtà che hanno richieste di questo tipo da parte della grande committenza. Le motivazioni della Direzione Generale per questa scelta in particolare - e in primis del suo Amministratore Delegato Stelvio Lorenzetti - sono legate ad un forte desiderio di organizzazione interna in quanto la stessa è vista come lo strumento principe per assicurare al cliente un prodotto ed un servizio di qualità.

Per questo motivo il sistema di gestione della Eko Music Group S.p.A. è stato progettato ed implementato per gestire in maniera efficiente ed efficace il sistema organizzativo aziendale, e con la filosofia che, se correttamente interpretata, la norma ISO 9001 non comporta burocrazia, ma la ricerca continua del miglioramento della proprie prestazioni.

Il processo principale per la corretta implementazione del sistema è quello della Direzione Generale di Eko Music Group, fermamente convinta della bontà delle proprie scelte che, comunicando con i propri collaboratori, è consapevole che l’implementazione del sistema è un valore aggiunto per l’azienda, pretendendo da tutto il personale grande partecipazione. Ogni scelta, anche la più importante, rischia di non sortire effetto se non è legittimata da chi guida l’azienda. Così questo progetto è stato vissuto da un lato come un modo per confermare la bontà della propria organizzazione, dall’altro come occasione di crescita del proprio personale.

La ricerca continua di materiali che garantiscono le aspettative del cliente / mercato per quello che riguarda la qualità del prodotto commercializzato e realizzato, lo studio e la progettazione di caratteristiche tecniche volte alla realizzazione di un prodotto all’avanguardia con le esigenze del mercato, la competenza e qualificazione del personale che gestisce i processi fondamentali di EMG sono i punti di forza che arricchiscono il valore della certificazione e del risultato raggiunto.

Gli obiettivi di miglioramento che l’azienda si è posta vengono sanciti nella politica aziendale, in cui vengono espressi chiaramente i valori/principi dell’organizzazione. Tra i principali obiettivi pianificati vi sono:

- Qualità del prodotto e del servizio;
- Conoscenza del mercato e delle esigenze e delle aspettative dello stesso;
- Puntualità nelle consegne;
- Comunicazione efficiente ed efficace con gli stakeholder dell’azienda (clienti, fornitori di servizi/prodotto, personale dipendente, collettività, organismi di certificazione, organismi di controllo e vigilanza, istituzioni ecc.);
- Flessibilità dell’organizzazione nella gestione delle sfide future.

Attraverso il perseguimento di tali obiettivi, la Direzione crede fermamente che l'implementazione del sistema di gestione per la qualità può creare dei notevoli vantaggi competitivi, soprattutto nei confronti dei concorrenti meno dinamici, migliorando da una lato l'efficienza dell'organizzazione e dall'altro l'immagine aziendale ed i rapporti con gli stakeholders.

Ovviamente la direzione generale dell’azienda, se pur soddisfatta del grande traguardo raggiunto, non intende fermarsi e, come al solito, con la mentalità vincente di chi non è mai soddisfatto, sta già pensando a come raggiungere ulteriori obiettivi e vincere l’ennesima sfida.

Con la consulenza di BT&T Consulting srl (www.bttconsulenza.it/Home.html) e la supervisione del CFO di Eko Music Group Francesco D’Astore, si è sviluppato un percorso da gennaio 2011, iniziato con la progettazione ed implementazione di procedure specifiche per ogni processo significativo. Lavorare sulla certificazione ISO 9001 è stata un’esperienza di approfondimento e di crescita professionale; si è trattato di introdurre in azienda un nuovo metodo di lavoro e quindi di cambiare anche un po’ la mentalità nel gestire i processi significativi dell’organizzazione.

A giugno 2012, attraverso l’audit dell’Organismo Terzo Accreditato SQS, è stato raggiunto il risultato tanto atteso, cioè quello della certificazione del sistema. Consapevoli che questo risultato non significa un risultato finale, ma il punto di partenza per l’applicazione della filosofia della Norma ISO 9001, cioè il miglioramento continuo.

La storia
La EKO nasce nel 1959 per iniziativa di Oliviero Pigini, con la produzione, importazione e commercializzazione di chitarre. Negli anni 60 l'attività aumenta di anno in anno. In questo periodo, i più importanti gruppi italiani utilizzano chitarre EKO (tra essi: i Nomadi, la PFM, i Rokes, i New Dada ecc.) e il marchio si diffonde in tutto il mondo. Nasce anche una nuova società, con VOX e THOMAS, produttori rispettivamente di amplificatori e organi elettrici. La prematura morte del suo fondatore, avvenuta nel 1967, chiude la prima fase della vita della EKO. Le chitarre EKO sono comunque rimaste negli annali delle più famose riviste come una moda che ha segnato un'epoca, dando rilevanza al 'made in Italy'.

Negli anni '80, Lamberto Pigini, fratello di Oliviero, riacquista il marchio EKO e decide di affidare il rilancio del prestigioso marchio ad un management giovane e motivato coinvolgendolo anche a livello societario, quali Stelvio Lorenzetti, attuale AD, Umberto Tonnarelli e Giuseppe Casali. In pochi anni, la EKO torna agli splendori delle origini: non solo acquisisce l'importazione e la distribuzione dei maggiori marchi del panorama mondiale, ma riprende la fabbricazione di chitarre, acustiche ed elettriche, a livello industriale e a livello artigianale; acquisisce i marchi QuikLok e Opera e acquista la nota manifattura bolognese Elettronica Montarbo srl, storica produttrice di strumentazioni audio professionali.

Condividi:
Loading