Conversione come Arte e Scienza

Focusrite si occupa di convertitori da quando produce preamplificatori microfonici – dal rilascio della serie di convertitori A/D e D/A Blue nel 1995. Come per i preamplificatori, è un’arte che conosciamo perfettamente. I convertitori di Clarett 192kHz / 24-bit forniscono una gamma dinamica effettiva fino a 118dB (A/D) / 119dB (D/A), consentendo di catturare ogni sfumatura e sottigliezza in fase di registrazione o di mixing. Un paio di decenni fa la conversione digitale era una sorta di 'arte oscura': le teorie erano ancora in fase di sviluppo, si stavano facendo le prime scoperte e alcuni individui sono stati in grado di ottenere risultati impressionanti infrangendo le regole. Oggi non è più così. Le regole sono stabilite e ben note; la stragrande maggioranza dei chip convertitori della stessa classe offre lo stesso tipo di prestazioni; l'arte della conversione attualmente si basa su come li si usa e quanto si è disposti a fare per trarne il massimo.


Un'attenta progettazione del circuito, la scelta dei componenti e anche il layout della scheda svolgono un ruolo importante. Schede multi-layer forniscono modelli base interni per ridurre il rumore. Mantenere separate le parti analogiche e digitali del circuito ridurrà la probabilità che il clock digitale ed altri rumori possano entrare nei componenti analogici sensibili. E, naturalmente, la qualità dei componenti e la loro selezione sono considerazioni importanti. È facile scommettere con la conversione digitale e credere che un sistema sia migliore perché appare buono sulla carta, ma in realtà ascoltandolo capirete cosa avete bisogno di sapere: quant’è pulito il suono, quanto è basso il rumore e quanto è fedele al suono originale. Naturalmente i numeri possono aiutarvi a valutare l'interfaccia, se sono reali - e quando diciamo che Clarett offre una gamma dinamica fino a 119dB attraverso il suo convertitore D/A, vuol dire che lo abbiamo misurato realmente con una vera interfaccia: non è semplicemente il numero preso dalla scheda tecnica del chip.

Condividi:
Loading