Come utilizzi i prodotti ISA Focusrite?

Qual è stata la tua prima reazione quando hai scoperto di aver vinto il concorso?

Ero al lavoro quando ho ricevuto l'e-mail che comunicava che avevamo vinto, e ho potuto leggerla solo per sommi capi. In realtà ho pensato che doveva essere spam, quindi è stato solo più tardi quando sono tornato a rileggerla che ho capito ciò che era successo. È stato incredibilmente spettacolare ed emozionante così ho chiamato il resto dei ragazzi per comunicare l’esito del concorso, poi mi sono calmato e sono tornato a casa euforico.

Come sei venuto a conoscenza del concorso?

In realtà è stato mio fratello a mandarmi un link al video e alla pagina del concorso - e ho pensato “perché no?” – Mi ero quasi dimenticato del concorso e non pensavo certo di poter vincere, ma partecipare suonava come un’opportunità folle.

Puoi parlaci della tua band e della sua storia?

Ajimal è un progetto che ho iniziato un paio di anni fa, con l'idea di scrivere canzoni e poi “aprirle” a diverse collaborazioni a seconda delle sonorità che desideravo creare. Ho avuto la fortuna di lavorare con alcuni musicisti meravigliosi e più recentemente ho lavorato molto con Mark, Ben e Matt, che sono anche membri in una band chiamata Tessera Skies. “I’ve Known Your Heart” è stato uno dei primi brani a cui abbiamo lavorato e significava molto per noi registrarlo insieme.

Cosa ti è piaciuto di questa esperienza di registrazione?

Abbiamo trascorso la prima giornata cercando la giusta performance e abbiamo definito l’ossatura della traccia. Penso che il secondo giorno sia stato assolutamente magico perché abbiamo sperimentato un sacco, come suonare il vibrafono con l’archetto o usare i mallet sulle corde del pianoforte. La traccia ha assunto un aspetto completamente rielaborato e vertamente aperto. Questo è stato davvero speciale per me.

 

 

Guy Massey è stato il produttore perfetto per voi?

E' stato assolutamente fantastico lavorare con Guy. Abbiamo parlato al telefono riguardo le idee per la canzone e l’approccio alla registrazione e ha veramente capito il suono che volevamo ottenere. Ci siamo divertiti molto e penso che insieme abbiamo avuto alcune idee fantastiche. C’è sempre stata un’atmosfera davvero rilassante e Guy sapeva sempre come ottenere il meglio dalle nostre prestazioni. Quindi sì, è stato meraviglioso.

Come avete utilizzato i moduli originali Focusrite ISA nella vostra registrazione?

Ho guardato il video riguardante ISA e la storia Focusrite quando mi sono iscritto al concorso ed è stato fantastico conoscerli meglio. E’ stato meraviglioso sentirli dal vivo mentre creavamo la traccia.

Focusrite ha tirato fuori tutte le tappe di questo concorso, come è stato vivere il sogno di questo fine settimana - quali aspetti di questa esperienza vi hanno coinvolto sia dal punto di vista del divertimento, sia da quello della registrazione?

L'intero weekend è stato semplicemente meraviglioso - tutti alla Focusrite hanno fatto il massimo per assicurarci momenti fantastici e tutto era predisposto per far si che le tracce suonassero alla grande. Vorrei dire loro un immenso grazie. Ci hanno trasportati in un bellissimo furgone da tour e ci hanno messi proprio accanto allo studio. Tutti i collaboratori Focusrite stanno lavorando su progetti creativi e ci hanno portato fuori a cena: abbiamo chiacchierato molto su ciò che le diverse persone stanno facendo - è bello che ci sia così tanta vita in azienda. E poi c'era la registrazione, ho visto alcune sessioni in diretta dagli AIR Studios e ho pensato che sarebbe stato fantastico registrare lì e di punto in bianco è successo. E' stato incredibile!

La vostra band ha dei prodotti Focusrite e, se sì, quali e come li usate?

Ho una vecchissima interfaccia audio malridotta con un solo ingresso funzionanante, con cui faccio tutti i miei demo a casa. Non esattamente dello stesso livello, purtroppo, ma in realtà abbiamo noleggiato uno dei compressori della serie Red per alcune voci su una traccia intitolata Footnote to Love [Prima Parte] e il risultato è stato fantastico!

Condividi:
Loading